Il carrello è vuoto.

Piccola storia delle avanguardie

C A T A L O G O / Lingue&Letterature / Piccola storia delle avanguardie /

Sottotitolo

da Baudelaire al Gruppo 63

Autore

Fausto Curi

ISBN

978-88-7000-602-5

Numero Pagine

58

Anno

2013

Formato cm

12.0 x 18.0

€ 7,00 € 5,95
: disponibile

Sintesi

Il Gruppo 63 è stato, e non solo per l’Italia, l’ultima, estrema manifestazione della cultura d’avanguardia. Nel cinquantesimo anniversario della fondazione del Gruppo giova ricordare che esso, attraverso le discussioni e i dibattiti dei suoi membri, dei quali sono stati forniti anche di recente ampi e precisi ragguagli a stampa, e attraverso la pubblicazione dei loro libri, ha elaborato una cultura profondamente nuova che, al tempo stesso, si nutriva delle opere e delle sollecitazioni più fertili prodotte dalle precedenti avanguardie. Per questo il presente opuscolo di Fausto Curi traccia una rapida ma totalmente comprensiva storia dei movimenti d’avanguardia guardati attraverso i loro protagonisti, a partire da Baudelaire, primo vero scrittore della modernità, passando per Rimbaud, Mallarmé, Lautréamont, soffermandosi su Pound, Eliot e Joyce e giungendo fino a Marinetti, Tzara e Breton. In questo contesto le ragioni e i modi del Gruppo 63 risultano alla fine storicamente forniti di più salde ed evidenti motivazioni. Non sfuggono all’attenzione dello storico i protagonisti delle avanguardie pittoriche, musicali e cinematografiche come, per esempio, Picasso, Braque, Kandinski, Duchamp, o Schönberg, Berg, Webern, o Buñuel e Clair. Una densa bibliografia essenziale conclude l’opuscolo.

FAUSTO CURI

Scarica la scheda

Sfoglia un estratto

Connettiti o registrati per poter commentare

Nessun indice presente.

Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.

Convegno internazionale Cinquant'anni del Gruppo 63 - 16|17 ottobre Bologna


Cinquant'anni del Gruppo 63 
Convegno internazionale di studi: Storia, bilanci, prospettive - 16|17 ottobre Sala Stabat Mater (Biblioteca dell'Archiginnasio) - Biblioteca Dip. Filologia Classica e Italianistica

Alcuni consigli per te...