Il carrello è vuoto.

Cesare d'Este e Clemente VIII

C A T A L O G O / Storia locale / Cesare d'Este e Clemente VIII /

Autore

Gasparini Alberto

ISBN

---

Numero Pagine

248

Anno

1960

Formato cm

15.0 x 21.0

€ 15,00 € 12,75

Sintesi

Questo volume vuole fare il cosidetto «punto», nella vita di due città: Modena e Ferrara. Qui giocheranno un ruolo di primaria importanza tutti gli elementi politici di quel burrascoso tardivo scorcio cinquecentesco, dovuti a gelosie, invidie, soprusi, inganni, tradimenti, violenze, e frodi volgari che avvelenarono il fosco aere della decadente corte Estense di quegli anni. Se Modena diverrà fiorente capitale di un piccolo Ducato, sarà merito e colpa, di un Papa, Clemente VIII, di pochi scrupoli; e di un Duca inetto e per di più figlio di un bastardo, Cesare d'Este. La devoluzione di Ferrara soffocò lo sviluppo della cultura nella città estense, ogni iniziativa artistica languì stancamente, senza alcun fremito di rinascita. Ne farà eccezione solo la facciata del palazzo Bentivoglio, dai marmorei rilievi carnosi sansovineschi mentre il piccone rabbiosamente abbatterà le delizie di Castel Tedaldo, per dar posto, a occidente fra nembi di guerra, alla lugubre fortezza ottagona di Papa Aldobrandini, cui, oltre la maledizione estense peserà domani la morte di Giordano Bruno. Una civiltà incomparabile, due volte secolare, tramonterà dietro la rossa mozzetta del Cardinal Legato per le Romagne, e la corte dei poeti cavallereschi e dei pittori smaglianti si dissolverà per sempre. Questo, in un brevissimo giro d'orizzone, è il mondo dove la ricerca del Gasparini si è sbizzarrita.

Connettiti o registrati per poter commentare

Nessuna recensione presente.

Recensioni Clienti:

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.
Autenticati per poter scrivere una recensione.

Nessun extra.