Carrello vuoto

GREGORIO FRACCHIA, classe 1996. Inizia a suonare la chitarra classica all’età di sei anni. A dieci entra al conservatorio “G. Verdi” di Torino, dove studia con Paolo Garganese, perfezionandosi con musicisti di fama internazionale quali Leo Brouwer, Oscar Ghiglia, Maurizio Colonna, Luigi Tessarollo. Ha voluto affiancare all’attività di interprete (nel 2015 è uscito il suo CD d-Tunes, Ema Records/Musica Viva/Egea, registrato in quattro prestigiose Università europee) anche quella di scrittore (ha pubblicato nel 2014 il libro Smart-phoné, riflessione sulla condizione attuale del chitarrista compositore, Editoriale Scientifica) e di compositore (nel 2014 ha pubblicato gli album Playing, ed. Bérben in Italia e, in Spagna, Ianus, ed. In&Out Ediciones), sviluppando un suo stile ben riconoscibile, privo di confini fra generi musicali. Sì esibisce regolarmente anche in Spagna, dove ha iniziato una collaborazione con il pianista e compositore Angel Conde, docente di pianoforte al Conservatorio superiore di Granada. Suona una chitarra del liutaio Antonino Scandurra.
www.gregoriofracchia.com 

Eventi

Serata "Silvio D'Arzo" - Libreria Diari di bordo, Parma

Luci sulla Contea

Giovedì 10 maggio ore 18.00 - Libreria Diari di bordo, Parma

Modi e nodi del tradurre Un omaggio a Emilio Mattioli - Università di Modena

Il problema del tradurre

Mercoledì 9 maggio ore 09.15-18.00 - Aula Convegni Complesso San Geminiano, Modena