Carrello vuoto

Autori

MATTEO MESCHIARI già ricercatore in Discipline Demoetnoantropologiche, è professore associato in Geografia all’Università di Palermo. Oltre a numerosi articoli, ha pubblicato Sistemi selvaggi. Antropologia del paesaggio scritto (Sellerio 2008), Dino Campana. Formazione del paesaggio (Liguori 2008), Terra sapiens. Antropologie del paesaggio (Sellerio 2010), Nati dalle colline. Percorsi di etnoecologia (Liguori 2010), Spazi Uniti d’America. Etnografia di un immaginario (Quodlibet 2012), Uccidere spazi. Microanalisi della corrida (Quodlibet 2013), Geofanie. La terra postmoderna (Aracne 2015), Antispazi. Wilderness Apocalisse Utopia (Pleistocity Press 2015), Artico nero. La lunga notte dei popoli dei ghiacci (Exòrma 2016), Geoanarchia. Appunti di resistenza ecologica (Armillaria 2017), Disabitare. Antropologie dello spazio domestico (Meltemi 2018), Bambini. Un manifesto politico (Armillaria 2018), Nelle terre esterne. Geografie, paesaggi, scritture (Mucchi 2018). La geografia umana, l’antropologia dei mondi contemporanei e l’ecologia culturale sono al centro della sua scrittura.

MARIA FELICIA SCHEPIS insegna Filosofia Politica presso il Dipartimento di Studi Politici e Sociali dell’Università di Messina. I suoi interessi vertono sulla filosofia dell’erranza e sulla questione dell’alterità, con particolare attenzione al pensiero ebraico. Fra le sue pubblicazioni si segnalano i volumi Confini di sabbia. Un’ermeneutica simbolo dell’esodo (Giappichelli, Torino 2005); Colui che ride. Per una ricreazione dello spazio politico (Franco Angeli, Milano 2011) e vari saggi sul pensiero di Hannah Arendt, di Agnes Heller e di Emmanuel Lévinas. Per Mucchi (a cura di, 2018) Forme e passaggi. Arte, religione, politica.

GIULIANA STELLA è Professore ordinario di Dottrina dello Stato nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Napoli Federico II. Tra i suoi lavori più rilevanti: I giuristi di Husserl. L’interpretazione fenomenologica del diritto (1990); Stato e scienza. I fondamenti epistemologici della dottrina pura del diritto (1997); Ordine e giustizia in Bergson (2003); Sovranità e diritti (2013). Ha curato l’edizione italiana di scritti di Schmitt, Kelsen, Krabbe.

PIERFRANCESCO GROSSI è stato dichiarato Emerito di Diritto Costituzionale nell’Università degli studi di Roma Tor Vergata, nella quale ha svolto per supplenza anche corsi di Diritto pubblico dell’economia e di Diritto ecclesiastico. Allievo di Carlo Esposito e successivamente di Vezio Crisafulli e di Aldo M. Sandulli aveva, infatti, conseguito la laurea in Giurisprudenza con voti 110 su 110, lode e dignità di stampa, ed ottenuto nel 1969 la libera docenza in Diritto costituzionale, insegnando poi nelle Università di Siena, Genova, Catania e Napoli. È stato, altresì, incaricato nell’anno accademico dello svolgimento per supplenza dal 1989-90 delle discipline di Institutiones juris publici civilis e di Jus publicum comparatum nell’Istitutum Utriusque Juris della Pontificia Università Lateranense; nonché successivamente per i corsi di Diritto canonico e diritto civile comparato relativo ai beni culturali nella Pontificia Università Gregoriana; come pure in altri anni per gli insegnamenti di Istituzioni di diritto pubblico, Diritto costituzionale progredito e Diritti e libertà fondamentali presso la Libera Università Maria SS.ma Assunta, nella quale ha anche ricoperto la carica di Direttore della Scuola di specializzazione per le professioni legali.
È stato, inoltre, più di una volta invitato a tenere brevi cicli di lezioni alla Università Complutense di Madrid ed all’Università di Parigi XII. È autore di oltre settanta pubblicazioni, alcune delle quali in lingua inglese, tedesca e spagnola. Per Mucchi, La toga e la tiara (collana Piccole Conferenze, 2018).

BERND RÜTHERS è Professore emerito di Diritto civile e teoria del diritto nell’Università di Konstanz, della quale è stato anche Rettore dal 1991 al 1996. È stato giudice presso l’Oberlandsgericht di Stuttgart dal 1976 al 1989 ed è stato insignito di varie onorificenze e lauree honoris causa. Tra le sue numerose pubblicazioni, tradotte in varie lingue, ricordiamo le monografie: Die unbegrenzte Auslegung. Zum Wandel der Privatsrechtsordnung im Nationalsozialismus (1968); Entartetes Recht. Rechtslehren und Kronjurist im Dritten Reich (1989); Carl Schmitt im Dritten Reich (1989); Ideologie und Recht im Systemwechsel. Ein Beitrag zur Ideologienfälligkeit geistiger Berufe (1992); Rivoluzione clandestina. Dallo Stato di diritto allo Stato dei giudici (a cura di Giuliana Stella, Mucchi, 2018).

Eventi

Serata "Silvio D'Arzo" - Libreria Diari di bordo, Parma

Luci sulla Contea

Giovedì 10 maggio ore 18.00 - Libreria Diari di bordo, Parma

Modi e nodi del tradurre Un omaggio a Emilio Mattioli - Università di Modena

Il problema del tradurre

Mercoledì 9 maggio ore 09.15-18.00 - Aula Convegni Complesso San Geminiano, Modena