Carrello vuoto

Cibo, cultura, diritto

C A T A L O G O / Il poggiolo dei medardi / Cibo, cultura, diritto
Cibo, cultura, diritto
Autore
Mario Fiorillo, Silvia Silverio
Uscita
2017
Numero Pagine
111
ISBN
978-88-7000-748-0
Formato cm
13 x 23
Prezzo base, tasse incluse16,00 €
Prezzo di vendita13,60 €

Dalla semantica del termine ‘cultura’ alla pluralità di significati – sociali, economici, storici, simbolici – del cibo: esiste uno spazio per una regolazione giuridica del suo indiscutibile valore culturale? Il cibo, le tradizioni alimentari, la produzione enogastronomica d’eccellenza, hanno un posto nel mosaico ordinamentale nazionale? E, prima ancora, la nozione di ‘cultura’ richiamata in Costituzione può prescindere dalla consistenza materiale del bene? Dinanzi a un quadro costituzionale “aperto”, l’orientamento del legislatore nazionale in materia si è rivelato molto più incerto e oscillante, specialmente se paragonato agli sviluppi normativi sovranazionali e substatali o agli orientamenti giurisprudenziali più avanzati.

All’interno di questa cornice sono inserite le eccellenze enogastronomiche italiane, quali beni culturalmente rilevanti sotto molteplici aspetti. Ma che s’intende per ‘eccellenza enogastronomica’? Essa, a ben vedere, può essere scomposta in un triplice oggetto, ossia “prodotto” enogastronomico; “territorio” da cui si ricava; e “arte” di realizzarlo. Il che trova riscontro, per la prima volta, nella più recente attività del legislatore nazionale, con riferimento al settore vitivinicolo. Il collante di questo triplice oggetto è dato, appunto, dall’“eccellenza”, attestata dal marchio di qualità, nazionale ed europeo. Nell’analizzare i requisiti e le procedure per ottenere una DOP o IGP – e quindi una dichiarazione di qualità – vengono poi evidenziati i parallelismi con i procedimenti di dichiarazione e verifica dell’interesse culturale, scolpiti dagli artt. 12 e ss. del Codice dei beni culturali.

Intorno all’universo enogastronomico va, insomma, emergendo rapidamente un sistema multicentrico di garanzie che induce a superare quella nozione di patrimonio culturale inflessibilmente attestata sul limes della materialità, come vuole la vulgata corrente costruita intorno al Codice dei beni culturali del 2004.

MARIO FIORILLO

SILVIA SILVERIO

Scarica la scheda

Nessuna recensione presente.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.