Carrello vuoto

12. La cessione dei crediti salvo buon fine nello sconto bancario: prime riflessioni

C A T A L O G O / i Quaderni de Lo Stato / 12. La cessione dei crediti salvo buon fine nello sconto bancario: prime riflessioni
"Titolo"
La cessione dei crediti salvo buon fine nello sconto bancario: prime riflessioni
Autore
Luca Mandrioli
Uscita
2021
Numero Pagine
365
Collana
i Quaderni de Lo Stato
ISBN
9788870008913
Formato cm
16 x 24

Prezzo di vendita

 Pdf open access scaricabile 

 

PROFILO DELL'AUTORE 

 

È noto come da tempo lo sconto bancario rappresenti un’operazione fondamentale per procurare quel serbatoio di disponibilità finanziaria necessario ad assicurare la continuazione dell’attività economica. Pur essendosi originato con l’intento di convertire in denaro titoli di credito di lunga scadenza, il contratto in oggetto è oggi – caduta in disuso la cambiale quale mezzo di pagamento delle transazioni economiche – frequentemente utilizzato dalle imprese per anticipare i loro crediti nei confronti della clientela e in ciò può essere rinvenuta la nuova finalità dell’istituto. Mentre una siffatta trasformazione si è inevitabilmente riflessa sulla funzione del medesimo, in quanto alla causa di finanziamento inizialmente tipica del contratto di sconto la letteratura scientifica più moderna ha di recente sostituito quella di liquidità, del tutto irrilevanti sono state invece le variazioni in ordine all’essenza giuridica del fenomeno. Il presente lavoro, nel concentrare i propri sforzi sulla figura del salvo buon fine ed in particolare della garanzia quale “croce” della cessione del credito, si propone di indagare, sotto il profilo dogmatico e strutturale, la natura giuridica di tale inciso e le ripercussioni che il medesimo ha sul funzionamento dell’intero negozio di sconto. L’obiettivo intorno al quale si incentra maggiormente la riflessione in esame è proprio quello di individuare nel mancato adempimento a scadenza da parte del debitore ceduto non un risultato indesiderabile del contratto idoneo a produrre – al pari di quanto accade con riferimento alla garanzia per la solvenza del debitore ceduto di cui all’art. 1267 c.c. – uno scioglimento del medesimo, ma l’attuazione, in forza della garanzia pura caratterizzante la clausola salvo buon fine, di un meccanismo giuridico che è in grado di originare in capo allo scontatario l’obbligo di corrispondere un indennizzo allo scontatore.

Nessuna recensione presente.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Nessun extra.