Carrello vuoto

10. Una possibilità del linguaggio

C A T A L O G O / CapitoloUnico / 10. Una possibilità del linguaggio
"Titolo"
Una possibilità del linguaggio
Sottotitolo
Pierre Menard come metodo
Autore
Alfredo Zucchi
Uscita
2021
Numero Pagine
106
Collana
Capitolo Unico
ISBN
9788870008951
Formato cm
13 x 21
Prezzo base, tasse incluse13,00 €
Prezzo di vendita12,35 €

«Le idee più preziose vengono trovate per ultime», scrive Nietzsche. «Ma le idee più preziose sono i metodi». In questi saggi Alfredo Zucchi trae da Pierre Menard – il celebre personaggio di Jorge Luis Borges che, com’è noto, intende riscrivere verbatim il Don Chisciotte – lo spunto per posare uno sguardo paradossale sul segno letterario. Il metodo di Menard instaura infatti tra il soggetto osservante e l’oggetto osservato un’indistinzione esasperata e tuttavia alienante, talché l’uno e l’altro diventino, insieme, prossimi e incolmabilmente distanti. Così, nel saggio che apre il libro, un confronto serrato con il testo di Michel Foucault La follia, l’assenza d’opera mette in luce i legami tra una certa esperienza della follia e la letteratura fantastica d’impronta borgesiana. Questi legami investono il movimento del linguaggio che implica se stesso e si sdoppia, denudando le sue interne e inesplorate cavità. Di associazione in associazione, da Mallarmé a Borges, da Ricardo Piglia a Danilo Kiš, da Julio Cortázar a Nietzsche e Furio Jesi, l’indagine dell’Autore approda al confronto con l’opera di Roberto Bolaño. L’ossessione del vuoto percorre tutti i saggi e finisce con un congedo umoristico: quando, in "Specchio riflesso", Zucchi tenta un consuntivo del metodo di Pierre Menard scopre un conflitto insanabile, comico e tragico al tempo, tra il segno letterario e il soggetto che, enunciandolo, semplicemente lo veicola nell’illusione di esserne l’Autore.

ALFREDO ZUCCHI

Collana Capitolo Unico

Scarica la scheda

Nessun indice presente.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.