Carrello vuoto

La dimensione giuridica in Dante Alighieri

C A T A L O G O / Piccole Conferenze / La dimensione giuridica in Dante Alighieri
La dimensione giuridica in Dante Alighieri
Autore/Autrice:
Giuseppe Morbidelli
Titolo:
La dimensione giuridica in Dante Alighieri
ISBN:
9788870009262
Collana:
Piccole Conferenze - 57
Pagine:
80
Uscita:
2022
Formato cm
12 x 21
Prezzo base, tasse incluse8,00 €
Prezzo di vendita7,60 €

Il saggio prende spunto dall’opera giovanile di Kelsen Die Staatslehre des Dante Alighieri nella quale Dante venne definito «uno studioso di diritto pubblico» e di riflesso la Monarchia «un’opera scientifica di diritto pubblico». Una tesi apparentemente disallineata rispetto alla acquisita convinzione secondo cui non risulta che Dante si sia dedicato specificatamente a studi giuridici, ma avvalorata da tutta una serie di studi più recenti che dimostrano come invece nella Monarchia (e non solo in essa) siano ravvisabili l’impiego accurato della concettuologia giuridica e la conoscenza di una serie di istituti propri del diritto comune.
Lo studio ha appunto lo scopo di ripercorrere i filoni giuridici che in Dante compongono una tessitura la quale lega in un rapporto osmotico e dunque ordinamentale giustizia, diritto e Imperatore, in cui quest’ultimo ha una funzione costituzionale che si invera nel “dare e dire” il diritto e con ciò assicurare la pace sociale. Nello stesso tempo, la primazia dell’Impero si salda con la (e deriva dalla) primazia della legge divina e della legge naturale.
La controprova della presenza di una dimensione giuridica è data dal fatto che il messaggio di Dante trovò sviluppo nella raffinata e altissima dottrina di Bartolo da Sassoferrato e tutt’oggi, soprattutto per quanto riguarda l’idea di una universale res publica delle genti, costituisce motivo ispiratore sia di teorie sia di istituzioni.

Collana Piccole Conferenze

GIUSEPPE MORBIDELLI

Scarica la scheda

Nessuna recensione presente.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.